Passa alle informazioni sul prodotto
1 su 1

Falanghina - Antonio Caggiano

Antonio Caggiano

Prezzo di listino €15,00 EUR
Prezzo di listino Prezzo di vendita €15,00 EUR
Scontato Esaurito
Imposte incluse. Spese di spedizione calcolate al check-out.
  •  Cantina: Antonio Caggiano
  • Annata: 2020
  • Provenienza: Campania
  • Denominazione: Campania IGT
  • Vitigni: Falanghina 100%
  • Temperatura di servizio: 8-10°C
  • Volume alcool: 13%
  • Formato: 0,75 L
  • Momento per degustarlo: Cena tra amici
  • Abbinamenti: Primi di pesce, Secondi di pesce
  • Giudizio di Blowup: 9/10


Descrizione

Il Falanghina firmato Antonio Caggiano è un vino bianco molto versatile che non delude mai.

Note degustative

Nel calice Il Falanghina di Antonio Caggiano si presenta di color giallo paglierino intenso. Al naso sprigiona aromi tipici della frutta fresca che ricordano l'ananas, la mela e la banana. Al gusto risulta pieno e armonico, con un'alta persistenza. Questo bianco è ottimo in accompagnamento con primi e secondi piatti a base di pesce.

Lavorazione

La vendemmia avviene nella seconda decade di ottobre, nel momento della  perfetta maturazione delle uve. Dopo la raccolta le uve sono pressate e il mosto ottenuto è fermentato a basse temperature in serbatoi di acciaio. Infine il Falanghina di Antonio Caggiano viene imbottigliato e affina per tre mesi in vetro prima della messa in commercio.

La Cantina

Dare voce alla storia e alla tradizione di Taurasi, con questo scopo Antonio Caggiano agli inizi degli anni 90' fonda Le Cantine Antonio Caggiano, dopo essere stato per anni un fotografo in giro per il mondo. Ancora oggi l'azienda produce vini di altissima qualità e si è affermata inoltre come interprete dei vini irpini. Le uve sono coltivate nel pieno rispetto della natura e dell'ecosistema, tenendo sempre a mente l'obbiettivo, che è sempre quello di valorizzare ed esaltare ciò che il territorio offre. Un vero e proprio museo quello che Caggiano ha deciso di realizzare all'intero delle sue cantine infatti oltre a botti, bottiglie e tini si trovano arnesi e utensili tipici del viticoltore. Sulle pareti inoltre sono appese opere d'arte, alcune addirittura realizzate dallo stesso Antonio.